ABBOT’S WAY 2015 – IL VIAGGIO CAMBIA IL VERSO MA NON L’ESSENZA……

Appuntamento fisso, alla Via degli Abati non si può mancare e l’importanza non è solo per il viaggio ma anche e soprattutto per i compagni di viaggio che anno dopo anno si reincontrano su questi sentieri dell’Appennino Tosco-Emiliano.

foto di gruppo

Quest’anno novità l’inversione del percorso e tutto sembra diverso ci si domanda come sarà se più agevole o meno salire alla Sella dei Generali e al Monte Lama dall’altro lato ma sicuramente il mio approccio alla “gara” è ben chiaro già dalla partenza.(foto con Ilaria che ride)

Ilaria che ride 2
Tutti partono a bomba io, sarà perché da un po’ sono a digiuno di ultratrail da oltre 100km, mi lascio tentare e già a Farini mi sento devastata soprattutto già lo stomaco si lamenta….mamma mia penso certo che soffrire già da adesso non è una buona prospettiva per la conclusione della gara…..ma addio Pontremoli non si può nemmeno dire già così presto….. e cerco di mangiucchiare un po’ di limone per vedere se si sistema il disagio.

L’incitamento dei miei genitori, che a detta di molti più che essere un supporto sembrano ultrà della curva che tifano per tutte le squadre dalla serie A alla serie D, mi da’ la carica per riprendere il mio viaggio.

Ilaria che ride

E che dire dei volontari alla Cascina Moluè con il bambino che ti offre un sacchettino con cioccolatini e nocciole preparato da lui….anche l’uomo più duro di cuore non avrebbe potuto non accettare l’offerta: UNICI!!!!!

Il Monte Lama miete parecchie vittime di errori di percorso ma io mi porto avanti e riesco a sbagliare ancora prima di arrivarci….salvata da un angelo più che un abate che vedendomi scendere in un’altra vallata mi urla facendomi ritornare sulla retta via!

FB_IMG_1430120974927
Arrivo a Bardi con un amico della staffetta, la sosta alla base vita è breve, il tempo regge non fa freddo per cui cambio rapido senza appesantirsi troppo una birretta che ci stà d’incanto e si riparte lasciando un bel buchetto nello stomaco per il ristoro di Osacca.

FB_IMG_1430120964085

E’ lunghetta ma all’arrivo ad Osacca la festa è grande, c’è come solito di ogni da mangiare ogni ben di Dio ma soprattutto ti senti a casa: la signora che insiste per farmi il caffè senza zucchero come desidero servito nella tazzina di ceramica del servizio sicuramente della festa…..ne vale la pena di aspettare un attimo in più, la caffettiera ha i suoi tempi giusto rispettarli!!!!!

FB_IMG_1430120969531
So che a Borgo Val di Taro oltre ai miei genitori troverò anche Luca…..cerco di muovermi per arrivare prima del buio, condivido il mio viaggio con Simonetta e in discesa si chiacchera ma la caduta è dietro l’angolo anzi sul sentiero, sarà la stanchezza o la vista un po’ annebbiata ma inciampo in un sasso e sbatto a terra come un sacco di patate mi raccolgono letteralmente i miei compagni di viaggio nulla nemmeno un graffio un po’ rintronata ma posso continuare con loro magari con un po’ più di attenzione!!!

FB_IMG_1430120991021

Niente non ce la si fa bisogna accendere la frontale poco prima di Borgo Val di Taro….la mia frontale noto da subito avere le pile scariche ma grazie ai miei compagni abati che mi illuminano la via si arriva insieme al ristoro, mangio ancora un minestrone caldo mi sento bene cambio le pile e proseguo con Mauro ottimo compagno di viaggio ma poco dopo sono costretta a lasciarlo andare, in salita le gambe non vogliono proprio collaborare mi ritardo molto, il Passo del Borgallo mi taglia le gambe e arrivare a Cervara è difficile, ogni km diventano minimo due psicologicamente e fisicamente da affrontare. I volontari a Cervara mi vedono davvero provata mi consigliano di restare lì con loro anche un’oretta per riprendermi, lo stomaco ormai dà più di qualche segno di cedimento ma il loro passato di verdura non si rifiuta. Voi direte beh ma che racconto è?? Un trail o un tour gastronomico?? Beh anche il gusto vuole la sua parte e vi assicuro che in un ultratrail non sono dettagli, solo elementi che non si dimenticano se poi come in questo caso il tutto è accompagnato da una grande attenzione dei volontari ti rimane impresso nei ricordi. Chiedo di uscire dal ristoro con una sedia per non avere troppo sbalzo termico, lascio partire Marcella non voglio fermarmi troppo ma devo sentirmi sicura per poter affrontare i due km di cresta che mi attendono subito dopo. Dopo 5 minuti decido di ripartire, la tentazione di gettare la spugna non mi abbandona e meglio mettersi subito in viaggio prima di fare una scelta di cui pentirsene.

FB_IMG_1430120986334

Mentre affronto il sali e scendi verso l’arrivo (beh mancano ancora 19 infiniti km) tiro fuori il sacchettino che il bimbo ad Osacca mi aveva dato…..i chicchi di caffè ricoperti di cioccolato….un sapore che ancora sento in bocca e il gesto commuovente. So che gli ultimi 3km saranno su asfalto ogni volta che incrocio una strada penso che sia quello il punto di partenza dal quale fare il conto alla rovescia e invece no si interrompe ricomincia il sentiero e si azzera il conteggio dei km mancanti, le luci di Pontremoli si vedono sembrano a tratti vicine a tratti lontane, stringo i denti il tempo non è importante è il traguardo che importa…ci siamo l’asfalto con fatica muovo qualche passo di corsa ma come intravedo il traguardo i muscoli rinascono e arrivo di corsa sotto il gonfiabile. Un bacio a Simonetta, Luca, i miei genitori e Paola ad attendermi…beh ne valeva la pena anche stavolta nonostante la fatica. Doccia calda e un po’ di riposo in palestra e poi un’altra emozione nell’abbraccio con Ilaria Fossati…..unica a sostenere che il percorso invertito fosse meno duro….a volte la testa e la forza di volontà fanno sembrare tutto molto più semplice di quanto sia e tu quel traguardo te lo sei sudato ed è tutto tuo!!!!

ilaria e marika

Annunci
Categorie: The Abbots Way 2015 | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: