Manuale di sopravvivvivenza – Abbots Way 2015

scarica QUI il manuale

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA THE ABBOTS WAY 2015

Ecco un piccolo manuale di sopravvivenza come se fosse un piccolo road-book riassuntivo alla THE ABBOTS WAY 2015, una corsa in tappa unica da non prendere …..sottogamba !!!Questo documento servirà per capire ed interpretare la corsa, durante la quale seguirete le indicazioni sul percorso segnalato con bandelle bianco-rosse, rifrangenti per la notte, segnali CAI e frecce dedicate sull’asfalto.Vuole essere un piccolo elenco di CONSIGLI ed alcune indicazioni di COME AFFRONTARE IL PERCORSO in base alle difficoltà altimetriche ed al posizionamento dei ristori e punti di assistenza con relativi chilometraggi. Saranno inoltre indicati i ristori più facilmente raggiungibili da chi vuole assistere alla gara.

CONSIGLI GENERALI

A) CONCENTRAZIONE.

Le corse in ultra-distanza, oltre i 40-50 km, quando NON si tratta di asfalto con ristori regolari e vie di fuga molto facili, richiedono una particolare attenzione, una doppia attenzione, per non incorrere in sgradevoli inconvenienti che potrebbero portarci, nella migliore delle ipotesi, al ritiro.

Perchè doppia attenzione: perché una, la principale andrà posta alla propria persona e a chi corre con noi, una seconda non meno importante, al percorso ed alla tracciatura dello stesso.

ATTENZIONE ALLA PROPRIA PERSONA E A CHI CORRE CON NOI : Dobbiamo stare attenti a noi stessi, alle sensazioni positive e negative in arrivo (e non già in atto), prendere le dovute precauzioni per tempo restando sempre concentrati sul fattore stanchezza e sul fattore idrico/alimentare, che vanno perseguiti come continui obiettivi primari, senza sosta, fino all’arrivo. La persona che sta con noi in corsa potrebbe anch’essa avere problemi, non lasciamola sola. Aiutiamoci a vicenda in puro spirito trail e segnaliamo prontamente ai soccorsi se notiamo qualcosa che non va.

Ci sta che si ammiri il panorama e qualche chiacchiera con il compagno di corsa, ma non perdete mai la necessaria concentrazione e su quello che state facendo. Nella mia carriera di organizzatore, non solo Abbots, oramai decennale, ho visto atleti transitare chiacchierando su di una linea bianca che sbarrava il percorso obbligando ad una deviazione, per loro apparentemente invisibile. Come se non esistesse.

La corsa che affronterete non è dura per il percorso, da un punto di vista tecnico, ma proprio per le difficoltà oggettive e psicologiche alle quali andrete incontro senza rendervene conto.

La TRACCIATURA giocoforza sarà affidata a persone diverse con indicazioni precise ma non sempre sarà la stessa “mano” a posarla, ci sta qualche variazione del tema, ma restando attenti e chiedendo eventuali informazioni non si incorrerà in inconvenienti spiacevoli come, ad esempio, un paio di chilometri di discesa da riaffrontare poi in salita magari stanchi o affamati.

B) ALIMENTAZIONE E ABBIGLIAMENTO.

Ai ristori mangiate poco, non abbuffatevi di acqua, sali e cibo, perché lo sforzo atletico sottrae sangue dallo stomaco per rifornire i muscoli e sarà un delicato gioco di gambe e apparato digestivo che vi condurrà al termine dei 125 km. Come dico spesso queste corse in ultradistanza si portano a termine con lo stomaco prima che con i polmoni. Preferite una barretta o un panino più spesso, magari all’inizio di una discesa in modo che vi faccia respirare, sempre spesso bevete in piccoli sorsi, anche in caso di umidità o pioggia. Tenete separati i sali dall’acqua in modo che non si mescolino sostanze che potrebbero risultare nauseanti ed imbevibili. Copritevi adeguatamente e state molto attenti ad avere con voi tutto il materiale obbligatorio in quanto le condizioni atmosferiche possono variare repentinamente, come successe lo scorso anno, che dai 25 gradi si arrivò con vento e pioggia a temperature molto vicine ai 4-5 gradi nel volgere di pochi minuti. Questo fu stato causa di numerosi ritiri dopo soli 40 chilometri.

Ai ristori troverete tante cose diverse, data la lunghezza del percorso e la diversità culturale/alimentare dei team in assistenza al percorso. Di massima verranno seguite le seguenti regole : nella prima parte del percorso si darà priorità agli zuccheri come crostate, frutta secca, mele e banane, biscotti. Si passerà poi ai cibi caldi nella seconda metà del percorso da Bardi (60°km) in poi con minestrone di verdura, pasta e cibi più salati come panini al prosciutto o formaggi e focacce. Per le bevande, acqua naturale e gassata, coca, aranciata, te caldo e freddo e “occasionalmente” si potrebbe trovare anche birra e vino a discrezione dei presidi del ristoro.

Per i sali consiglio di provvedere personalmente in quanto saranno presenti solo nei check point ufficiali, Farini (30°km), Bardi (60°km) e Borgo Val di Taro (90°km).

C) CARATTERISTICHE PERCORSO – RISTORI – CHECK POINT.

Come affrontare mentalmente un percorso di 125 km per 5.400 m.d+ o più precisamente, come affrontare “The Abbots Way “ 2015 ???

Come sapete il percorso è stato invertito e qualche sorpresa potrebbe riservarla in modo inaspettato anche a chi l’ha già affrontata in passato.

The Abbots Way mi ricorda per certi versi la TDS al Monte Bianco che ho corso nel 2014. Sono circa 120 km per entrambe nonostante i 2.000m di dislivello in più per la seconda ma a renderle simili è il fatto di trovare molti luoghi selvaggi, isolati e poco abitati. Si richiederà pertanto una buona autonomia personale, una solida capacità di gestione dell’autosufficienza, durante la notte si potranno percorrere diversi chilometri senza incontrare assistenza e la capacità di mantenersi ben presenti sarà motivo di sicuro successo.

Per questo motivo sarà d’aiuto sapere le difficoltà che si presenteranno, per lo più a grandi linee, per sapere realmente quando navigare al risparmio … e quando invece raschiare il fondo delle proprie energie dando tutto. Alla TDS si possono trascorrere anche 5-6 ore senza incontrare nessuno ed il fatto di essere sempre attenti e riforniti correttamente di fatto significa sicurezza e mancanza di problematiche ulteriori.

Passiamo al percorso. Può essere diviso mentalmente in 4 tranche praticamente uguali, evidente anche dalle altimetrie allegate al percorso.

Quest’anno si partirà dalla piazza di Bobbio, attraversando il Ponte Gobbo o Ponte del Diavolo, sul fiume Trebbia, che più a valle ha visto combattere oltre 2000 anni fa Annibale contro i romani.

Si sale subito, dopo un chilometro di asfalto, verso Coli, lungo quello che viene chiamato IL BUDELLO, su sentiero CAI, salita impegnativa che richiede una buona gestione delle forze.

Al quinto chilometro (5°km) tra un abitato di poche case, si trova una fontana con acqua di sorgente, ottima da bere. A Coli (8°km) un primo piccolo ristoro con liquidi, acqua, coca, te, dolci e frutta. Superato l’abitato di Coli si affronta una ripida ma breve discesa verso il torrente Curiasca che porterà alle località di Faraneto e Pescina (13°km) dove si trova una fontana con acqua potabile per arrivare alla Sella dei Generali. Arrivati al passo sulla SELLA DEI GENERALI, incontrerete il valico di circa tre chilometri pianeggianti che vi porterà alla discesa verso Farini. Arrivati presso il FONTANONE c’è una baita con piccolo ristoro gestito dalla Trattoria dei Cacciatori di Mareto, dove siamo al (18° km) e da qui sarà discesa fino a Farini. A metà della discesa un altro ristoro solido e liquido, gestito dalle famiglie del MOLINO DEI MORTE’ (23°km) da qui vi porterete negli ultimi 6 chilometri circa alla sede del primo Check-Point al (30° km). Ristoro generoso e curato dal Gruppo Marciatori Alta Val Nure di FARINI.

Attraversiamo il fiume NURE sul ponte e saliamo verso Groppallo in circa 10 km di salita facile ma costante, senza tregua. Arrivati a Groppallo (900m. slm). Passato l’abitato di Groppallo, dove troviamo un punto acqua, avremo circa 5 km di impegno minimo per lo più pianeggiante (fontana al 12°km) con salite brevi e dolci fino ad arrivare al ristoro/trattoria dei BRUZZI , solido e liquido al (45°km.)

Qui si lascia la civiltà e fino a Bardi per altri15 km (6 di salita e 9 in discesa) salendo e attraversando il Monte Lama a 1.350 m. di altezza, non incontreremo più nessun ristoro solido. E’ previsto sul monte un presidio da parte del SOCCORSO ALPINO EMILIA ROMAGNA ed un punto di accoglienza con ristoro liquido a 7 km da Bardi (53°km) in località BASONA.

Sul Monte Lama viene toccato il punto più alto della corsa.

A Bardi (60°km – 650m. slm) troviamo il cambio indumenti ed il ristoro più importante e caldo, prima di affrontare la notte verso BORGO VAL DI TARO e PONTREMOLI.

Da Bardi si scende per un chilometro verso il fiume CENO e da qui si risale fino all’abitato di MONASTERO, (68°km) punto di appoggio con ristoro solido e liquido, e poi OSACCA (75°km) sempre solido e liquido. Si passa IL BIVIO DEL PRADETTO nel BOSCO della RAMATA costeggiando il Monte Santa Donna a 1000 metri sul livello del mare. Al km 81 incontriamo un bivacco denominato PRADONICO (solido e liquido) che prelude lla chiesa di San Pietro dove si trova un rubinetto con acqua nel muro a sinistra e alla discesa su BORGO VAL DI TARO posto al 93° km dove troveremo un punto di assistenza e ristoro caldo solido e liquido, presso la caserma dei Vigili del Fuoco.

Qui troviamo accoglienza con ristoro caldo, docce e possibilità di breve sosta al chiuso e al caldo per cambiarsi (eventualmente) in vista dell’ultimo tratto di 33 chilometri verso PONTREMOLI.

Si parte su salita facile verso VALDENA (98°km) dove da qui inerpica una salita più impegnata verso il PASSO DEL BORGALLO presidiato con un tratto di circa un chilometro in crinale ed esposto ai venti, che in caso di maltempo non andrà sottovalutato. Tratto questo che sarà presidiato dal SOCCORSO ALPINO che stazionerà tutta la notte. Rimangono due punti di appoggio e la discesa finale. Il primo sarà presso il Lago Verde (liquido) a 20 km dall’arrivo ed il secondo a Cervara (113° km.) dove mancheranno 12 km a PONTREMOLI.

In Piazza Italia sede dell’arrivo troverete un ristoro completo e presso la palestra potrete trovare i bagagli che la navetta ha trasportato da Bobbio. Dopo il passaggio dell’ultimo concorrente a Bardi (metà percorso e sede del cambio ufficiale) verranno caricati gli zaini dei cambi effettuati e trasportati all’arrivo.

D) ASSISTENZA – LUOGHI FACILMENTE RAGGIUNGIBILI PER SEGUIRE LA CORSA

Per chi volesse seguire il proprio caro/atleta in gara o più semplicemente volesse vedere i passaggi degli atleti consigliamo di seguito i punti più facilmente raggiungibili in auto o moto o bici. Indichiamo inoltre il livello dei servizi disponibili in loco.

Dove non viene indicato nulla significa che è presente unicamente il punto ristoro per soli atleti.

  • Coli km 7 (Bar – Trattoria – Ostello)

  • Farini km 30 (Bar – Trattorie – Benzina auto – Bancomat)

  • Groppallo km 40 (Bar – Trattorie – Alimentari – Alberghi)

  • Bruzzi km 45 (Trattoria)

  • Bardi km 60 – (Bar – Trattorie – Benzina auto – Bancomat – Alberghi)

  • Osacca km 75

  • Borgo Val di Taro km 90 (Bar – Trattorie – Benzina – Metano auto – Bancomat – Alberghi)

  • Valdena km 98

  • Cervara km 113

Advertisements
Categorie: The Abbots Way 2015 | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: